La Fondazione
Statuto
Rassegna di Servizio Sociale
Rapporto sul Servizio Sociale
Pubblicazioni EISS
Segretariato Sociale
Progetti
Corsi
Convegni
Contatti
Area riservata

SARDEGNA

L'EISS è presente in Sardegna dal maggio 1968 quando, grazie ad una convenzione con la Cassa per il Mezzogiorno, diventarono operanti i due Centri comprensoriali di Ottana e di Carbonia (art. 20 della L. 26 giugno 1965 n. 717).

Furono individuate queste due realtà territoriali in base al criterio di privilegiare le aree depresse in cui era più evidente il fenomeno migratorio.
Il Centro di Ottana, originariamente, copriva il seguente bacino di utenza: Gavoi, Mamoiada, Ollolai, Olzai, Oniferi, Orani, Sarule.

Con delibera CIPE del 1972 venne stabilito che i Centri in questione transitassero direttamente alla Regione, per quanto riguarda le funzioni amministrative nonchè per la proprietà dei beni mobili e immobili. Lo Stato, comunque, riconosceva l'originaria fonte di finanziamento prevista dalla legge di cui sopra e da altri provvedimenti legislativi successivi.

Con l'approvazione della L.R. n. 68 del 17 novembre 1978 la Regione concedeva agli enti gestori dei Centri di Servizi Sociali della Sardegna, le somme assegnate dallo Stato e assicurava la prosecuzione dell'attività dei Centri di Ottana e Carbonia. In virtù di questa legge la Regione ha provveduto ad erogare annualmente i relativi contributi a favore dell'EISS in quanto Ente gestore dei due Centri.

Con l'art. n. 28 della L.R. 25 gennaio 1988, n. 4 la Regione ha delegato ai Comuni "le funzioni amministrative relative alla concessione dei contributi agli Enti gestori dei Centri di Servizi Sociali disciplinate dalla legge n. 68/78".

Di conseguenza, a decorrere da tale anno il Comune di Ottana, nell'esercizio delle funzioni delegate di cui sopra, ha provveduto ad erogare all'EISS, in quanto Ente gestore del Centro di Servizi Sociali operante in questo Comune e rientrante nell'ambito d'applicazione della L.R. n. 68/78, i contributi ivi previsti mediante l'utilizzo dei fondi regionali assegnati in base alla L. R. n. 4/88 e alla L.R. n. 25/93, nel rispetto delle modalità dettate dalla stessa L.R. n. 68/78.

L'attività del Centro EISS, sorto come risorsa in un Comune dove il fenomeno migratorio, iniziato negli anni 50, rappresentava una costante di un certo rilievo, si è concretizzata, prevalentemente, sperimentando il Servizio Sociale di Zona ed il Segretariato Sociale che, negli anni 70, si andavano caratterizzando come servizi di una certa rilevanza a livello locale.

Nello stesso arco temporale il paese di Ottana si trovava a dover affrontare l'impatto di un processo di sviluppo industriale che inseriva rapidamente nel circuito produttivo una comunità economicamente emarginata con conseguente squilibrio dell'assetto sociale complessivo.

In questo contesto, il Centro EISS avvalendosi delle nuove tecniche e dei nuovi strumenti del Servizio Sociale, divenne l'unico punto di riferimento non solo per i residenti, ma per tutti coloro che per ragioni di lavoro gravitavano su Ottana ed, in particolare, per i Comuni del Comprensorio EISS.

In sintesi, si riportano alcune delle esperienze di lavoro più significative di quegli anni:
- studio monografico sui Comuni del Basso Nuorese (EISS - CENSIS), 1971;
- convegno dei Sindaci della Media Valle del Tirso per una ipotesi di intervento sociale nel territorio interessato al processo industriale (EISS - Comune di Ottana), 1972;
- azione di stimolo e supporto tecnico in vista della costituzione di una cooperativa di camionisti;
- attività di promozione di forme di aggregazione sociale rivolte a tutti i cittadini con particolare riferimento ai giovani (costituzione di gruppi informali, organizzazione cineforum, costituzione della Pro-Loco, ciclo di conferenze rivolte ai genitori, organizzazione di dibattiti su temi di rilevanza sociale) in collaborazione con il Comune e la Parrocchia;
- interventi per il reinserimento degli emigrati di ritorno e delle loro famiglie;
- interventi nella scuola;
- formazione del personale insegnante impegnato nella sperimentazione della scuola a tempo pieno nel Comune di Gavoi (EISS - Provveditorato agli Studi);
- istituzione del Servizio di medicina scolastica nei Comuni di Ottana ed Orani;
- "Progetto di formazione per quadri ed operatori di Enti ed Istituzioni locali nel settore dei Servizi Sociali" nei Comuni del comprensorio EISS e con i Comuni di Macomer, Silanus, Bortigali, Borore, Bolotana, Lei, Illorai, Orotelli, Dualchi (EISS - FORMEZ), 1975-76.

Nel decennio successivo, sulla scorta delle esperienze portate avanti in via sperimentale negli anni 70 e alla luce delle nuove disposizioni legislative, l'attività del Centro è stata improntata al superamento delle categorie assistenziali attraverso l'elaborazione di nuovi modelli teorici basati sui contenuti e sulle metodologie dei servizi e considerando gli stessi come risposte alle esigenze delle persone, delle famiglie, dei gruppi e della comunità tutta.

In quegli anni l'attuazione del decentramento amministrativo aveva legittimato più che mai la dimensione territoriale ed integrata dell'intervento sociale e, pertanto, l'attività del Centro EISS fu orientata in questo senso lavorando in stretto raccordo con gli Enti territoriali ed in modo particolare con gli Enti Locali del comprensorio.

Infatti, il Centro divenne il punto di riferimento dei Comuni che, non disponendo della figura dell'Assistente Sociale, si rivolsero all'EISS perchè predisponesse dei piani di intervento per l'organizzazione dei Servizi Sociali di base a dimensione locale.

Si ricorda:
- la ricerca fatta nel Comune di Seneghe per la rilevazione dei bisogni finalizzata all'attuazione dei Servizi Sociai di base;
- la ricerca condotta nel Comune di Orani per l'attuazione del servizio di Segretariato Sociale, Servizio Sociale Professionale, l'Assistenza Domiciliare agli anziani, nonchè l'organizzazione di attività promozionali e l'aggiornamento professionale rivolto agli operatori del Servizio di assistenza domiciliare sprovvisti di qualifica.

Sempre in quegli anni il Comune di Ottana, non disponendo dell'operatore sociale stipulò con l'EISS un'apposita convenzione gratuita per l'organizzazione e la gesitone delle attività e dei servizi quali:
- il Servizio di Segretariato Sociale;
- il Servizio Sociale Professionale;
- il Servizio di assistenza domiciliare agli anziani previa indagine conoscitiva sui bisogni della terza età;
- le attività promozionali (soggiorni di vacanza, gite, attività ricreative);
- il servizio di trasporto e l'assistenza scolastica per gli alunni portatori di handicap;
- l'assistenza economica;
- la gestione del Centro diurno per anziani;
- i premi di laboriosità;
- l'aggiornamento degli operatori addetti ai Servizi.

Con l'entrata in vigore della L.R. n. 4 del 25 gennaio 1988 sul "Riordino delle funzioni socio-assistenziali", il Centro EISS perde la sua connotazione comprensoriale in vista del suo adeguamento strutturale e funzionale a Centro di Aggregazione Sociale, così come previsto al comma 2 dell'art. 28 della stessa legge.

Comunque, anche alla luce della nuova normativa, il Centro EISS, fino al mese di aprile 1995, ha continuato a rappresentare labase operativa ed il punto di riferimento per il Comune di Ottana in rapporto ad alcuni servizi per i quali sono stati individuati raccordi, legami e modalità concrete di attuazione degli interventi finalizzati alla promozione di un equilibrato sviluppo sociale.

Pertanto gli operatori dell'EISS hanno lavorato in stretta collaborazione con gli operatori sociali convenzionati che si sono succeduti in Comune, mettendo a disposizione degli stessi, in alcuni casi, i locali del Centro.

La collaborazione si è concretizzata nella predisposizione dei programmi, nell'organizzazione e nell'attuazione dei servizi e degli interventi con contestuale suddivisioine dei compiti.

Nel primo periodo di applicazione della legge, il centro EISS è diventato il punto di riferimento per diversi Comuni della zona per quanto riguarda la consulenza per la stesura dei programmi, per l'organizzazione dei servizi e per il reperimento degli operatori da impegnare nei servizi stessi.

Questo perchè l'EISS, con i suoi oltre venti anni di esperienza, dava garanzie di professionalità e di competenza ed inoltre perchè la Regione aveva dato indicazione ai Comuni affinchè predisponessero il programma socio-assistenziale seguendo l'impostazione data dal Comune di Ottana, grazie all'apporto tecnico professionale delle Assistenti Sociali dell'EISS.

Conseguentemente gli operatori dell'EISS sono stati più volte invitati, in qualità di relatori, a convegni e seminari, organizzati dai Comuni, dalle Province, dal Formez e dalla Sucola per Assistenti Sociali.

L'EISS ha stipulato apposite convenzioni per l'attività di consulenza ed assistenza sociale con diversi Comuni della Sardegna citati.
Ha attuato ricerche e progetti specifici per quanto riguarda l'area minorile e giovanile per conto della Regione, della Provincia di Nuoro e dei Comuni di Sedilo, Orani, Mamoiada e Gavoi.

Ha collaborato allo studio "Bisogni di servizi sociali della comunità di Ottana, con particolare riferimento ai giovani in vista dell'organizzazione di una rete di servizi sociali" condotto dal prof. Merler dell'Università di Sassari per conto del Comune di Ottana.

Ha curato:
- una ricerca su "Anziani in Sardegna" nei paesi del vecchio comprensorio EISS e nel Comune di Carbonia;
- un'indagine conoscitiva sui bisogni del Comune di Ghilarza in vista della riorganizzazione dei servizi sociali;

Per conto del Comune di Ottana nel 1991-92 ha predisposto un progetto di interventi promozionali rivolto a tutta la comunità con particolare riferimento ai giovani e agli anziani.

Nel triennio 1995-97, per conto del comune di Sedilo, ha predisposto e attuato il "Progetto per il recupero sociale di soggetti in difficoltà attraverso un percorso formativo teorico-pratico".

Nel 1996 ha portato avanti un'attività finanziata dall'Unione Europea nell'ambito di Progetti contro l'esclusione "Servizio pubblico per l'informazione ai cittadini", conclusosi con la formazione di operatori dei servizi di informazione e di segretariato sociale, qualifica riconosciuta dalla RAS Assessorato del Lavoro, formazione professionale e sicurezza sociale, e un ciclo di seminari, finanziati sempre dalla UE, su "La formazione continua: risorsa e strategia per gli operatori sociali".

A Cagliari (1998-99) ha gestito un progetto transnazionale "Now -Donna" finanziato dall'UE, volto alla formazione delle socie per la costituzione di una Cooperativa per servizi all'infanzia.

Nel 1997-98 ha curato un'indagine sulla situazione degli anziani fruitori del servizio di assistenza domiciliare, in vista della riorganizzazione del servizio stesso, per conto del Comune di Bolotana e n. 4 progetti per il Comune di Sarule, di cui n. 3 ancora in atto (Politica Sociale della famiglia: quali interventi?).

Nel 1999-2000 ha gestito il servizio sociale professionale per conto del Comune di Silanus e per il Comune di Bolotana.

E' in atto una ricerca sullos tato di attuazione dei servizi sociali in Sardegna finanziato dal MIUR.
L'EISS con DPGR n. 196 del 11-10-1996 è stato iscritto al n. 263 del Registro Regionale delle istituzioni degli organismi privati (art. 42 L.R. n. 4/1988).
Attualmente l'EISS gestisce n. 3 Centri di Aggregazione Sociale per conto del Comune di Carbonia, grazie ad una convenzione che integra i finanziamenti regionali di cui all'art. 28 della L. R. n. 4/88.

Il Centro di Ottana, con Decreto Assessoriale n. 7649/956 del 20 dicembre 1995, ha avuto l'autorizzazione al funzionamento della struttura semiresidenziale quale Centro di Aggregazione Sociale e in quanto tale è dotato del relativo regolamento.

I progetti recentemente messi a punto sono:
- "Progetto sperimentale per l'organizzazione e l'attuazione del Servizio di Promozione Sociale a forte caratterizzazione preventiva" - Agosto 2002/dicembre 2003 (EISS - Comune di Ottana);
- "Progetto sperimentale per l'organizzazione e l'attuazione del servizio di informazione per l'orientamento al lavoro ed all'impresa" - Gennaio 2004/dicembre 2004 (EISS - Comune di Ottana).

 



Segretariato Sociale


Il Segretariato Sociale è un servizio che si rivolge a tutti i cittadini che vogliono avere informazioni riguardanti la realtà sanitaria, sociale, culturale, scolastica, educativa e sportiva del territorio e risponde all’esigenza primaria dell’utente di avere informazioni complete e verificate, ma anche consulenza e orientamento in merito ai diritti, alle prestazioni e alle modalità di accesso dei servizi...

 

L'EISS e il Segretariato Sociale



EISS Ente Italiano di Servizio Sociale - viale F. Baldelli 41, 00146 - Roma - info@eiss.it

Powered by Weblab Powertech - www.marcopaoli.net © 2004